top of page

Rosa canina - trovare una scintilla nella vita

Ogni volta che mangio frutti di Rosa canina provo quella straordinaria sensazione di essere pienamente viva; sia per l'energia fisica e la chiarezza mentale, sia per l'energia che mi dà. Quel sapore aspro ma dolce dei suoi frutti mi dà proprio questo: la gioia di vivere.


Rosa Canina è accattivante sia quando fiorisce: con fiori di rosa bellissimi, delicati e dai colori pastello, sia quando porta i frutti: frutti di rosso vivace sul sfondo grigio dell'inverno. Nonostante l'apparente fragile bellezza dei suoi fiori, è una pianta robusta e resistente che cresce nei campi ventosi o nelle fredde montagne. Semplicemente, tra tutte le rose, questa è la più tenace.


Quindi il Dr.Bach l'aveva studiata e usata come una delle sue essenze floreali per "coloro che senza una ragione apparentemente sufficiente si rassegnano a tutto ciò che accade, e semplicemente scivolano attraverso la vita, la prendono così com'è, senza alcuno sforzo per migliorare le cose e trovare un po' di gioia. Si sono arresi alla lotta della vita senza lamentarsi".


Così, il dottor Bach ha indicato l'essenza floreale di Wild Rose (Rosa Canina) per mancanza di entusiasmo, affermando che "il rimedio aiuta a risvegliare il nostro interesse per la vita. In uno stato positivo di Wild Rose siamo spensierati. Ma invece dell'apatia sentire un senso di scopo che porta maggiore felicità e piacere."


Sembra un perfetto toccasana per la malinconia invernale.


Posso confermare che tale energia è contenuta non solo nell'essenza del fiore ma anche nei frutti di questa particolare rosa. Sii consapevole di questo quando vai a raccogliere i frutti della Rosa canina e anche quando consumi una marmellata o una polvere di Rosa canina.


Sebbene la medicina cinese utilizzi una varietà di rosa simile, Rosa laevigata nella sua medicina erboristica, è stata studiata come geneticamente strettamente correlata alla Rosa canina (rosa selvatica)*. Nella Materia Medica cinese classica i cinorrodi sono usati più di altre parti della pianta. Sono considerati un tonico. Sono a temperatura neutra, quindi possiamo mangiarli in inverno senza la preoccupazione di raffreddare troppo il nostro corpo o seccarlo surriscaldandolo. Il loro sapore è agrodolce ma il gusto aspro domina conferendogli una qualità astringente. Astringente trattiene l'essenza e la leggera dolcezza nutre.


È dalla sua qualità fortemente astringente che derivano la maggior parte dei suoi benefici: previene ogni tipo di fuoriuscita: di energia, fluidi e sostanze. Quindi è suggerito quando una persona non è in grado di trattenere l'essenza: seminale o vaginale, sangue: emorragie uterine, sanguinamenti, fluidi: urina o feci (che danno origine a diarrea) a causa della debolezza dei Reni e della Milza. Anche quando noti cibo non digerito nelle tue feci o in quelle di tuo figlio, questo può essere un segno di carenza dell'energia di Reni e/o Milza. Quindi, un ottimo rimedio invernale per questo è una marmellata o una polvere di Rosa canina. Come ormai avresti capito, i cinorrodi sono legati agli organi della Vescica, dei Reni, della Milza e dell'Intestino Crasso nella loro capacità di regolare quanto trattenere.


Il modo per osservare la sua capacità di trattenere l'essenza è notare la dimensione dei suoi frutti in autunno e poi a dicembre. Man mano che piove di più a novembre, i suoi frutti crescono notevolmente di dimensioni e diventano più succosi appena prima della maturazione in inverno.


Inoltre, la sua qualità astringente può invertire il prolasso dei muscoli dell'utero e della vescica. Quindi, l'effetto tirante dei cinorrodi non è solo sull'umore ma anche sui muscoli nella parte inferiore del corpo.


In Inverno puoi usarlo anche se in buona salute, come tonico invernale. Se avessi letto il mio blog di dicembre avresti ormai scoperto che l'inverno è la stagione dell'accumulo della nostra essenza ed energia https://it.dorotao.com/post/dicembre-ritirarsi-ed-accumulare. Ultimo ma non meno importante, come molti di voi lo sanno, la Rosa canina contiene un sacco di vitamina C: 426 mg in 100 g di frutta, proteggendoci dall'influenza stagionale.


Quindi, quando esci per una passeggiata invernale nella natura, raccogli alcuni dei suoi frutti. Si possono mangiare crudi, soprattutto se morbidi, spremere la polpa lasciando fuori i semi. Puoi anche portarli a casa, tagliarli a metà, pulire i semi e asciugarli a bassa temperatura (fino a 40-50°C), come in una delle foto di sotto. Quindi, puoi masticare i pezzi o polverizzarlo e prenderne un cucchiaino al giorno.


 



Comments


bottom of page